asimmetria





Quest’annata è memorabile, m’accade di tutto. Vi racconto l’ultima.

Ho sempre creduto non solo che i gatti portino un qualche significato nella vita delle persone, ma che questo significato abbia importanza tale che non si può decidere della loro presenza o assenza in modo razionale. I gatti arrivano quando vogliono e quando vogliono se ne vanno. Si tratta di accoglierne il passaggio.

Dopo aver perduto le mie gatte Ritarita e Martha, per varie ragioni troppo dolorose da spiegare, ecco che arriva Julia. M’hanno fregata le amiche: ero così sconvolta dalla morte di Martha che m’ero detta – ovvio – “mai più”. È durata poco. Nemmeno venti giorni e le amiche mi fregano. Arriva Julia.

Ha cinque mesi questa piccoletta, è molto dolce e un po’… speciale. Ha perso l’uso della zampa anteriore sinistra a causa di un incidente. Denutrita e in pericolo di vita, ha trascorso i primi mesi curata e coccolata nello studio d’un veterinario. L’ho vista e c’è voluta nemmeno un’ora: ok piccoletta, ti chiami Julia e vieni a casa con me.

È molto, molto bella. Il pelo è bianco sulla pancia, il collo e il muso, e grigio bianco e marroncino a macchie sul resto del corpo (orecchie comprese). Ma soprattutto è bello il suo procedere. Si muove sinuosa saltellando, il corpo ha un andamento tutto suo, trovo di grande stile l’asimmetria nel camminare, nel giocare, nel salire e nello scendere dal divano dalle sedie o dai mobili, spesso sbattendo il muso e dovendo riassestare rapidamente l’equilibrio. Interessante, per me, notare quanto questa bellezza non sia – appunto – nella simmetria, nell’equilibrio, nella “perfezione” rispetto ai criteri stabiliti dalla natura stessa. Julia si muove portando con sé la sua zampina immobile e priva di sensibilità davvero con invidiabile stile. Julia procede imperfetta e bellissima e, da ferma, tiene la sua zampina immobile come fosse sul punto di spiccare un salto.

La zampina immobile è un suo “difetto”? Julia, credo, non lo sa. Forse è per questo che è bellissima.

(scritto per contuttaquestabellezza)

This entry was posted on domenica, novembre 4th, 2012 at 22:57 and is filed under gatte e gatti. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.