‪#‎piccolestoriemoltopersonali‬ / ieri sera [come fossi mia nonna]





ho incrociato una festa, annunciata – mi hanno raccontato – con toni sul genere “la bambina taglia la torta”; ho visto ragazze lunghissime perfettamente costosamente vestite con superminigonne e tacchi altissimi e ragazzi lunghissimi perfettamente costosamente vestiti con camicie sartoriali e cravatte e bretelle ben abbinate. secondo me erano intorno ai 16, non di più. ballavano tra il fumo di decine di sigarette e l’odore e il rumore e lo scorrere del contenuto di decine di bottiglie di birra.
ho avuto momenti di spaesamento, poi di preoccupazione.
assieme ai miei recenti pensieri sul genere “è tutto sintetico” cercando un cappotto in giro per negozi, questa storia m’ha fatto sentire come fossi mia nonna.

This entry was posted on venerdì, ottobre 16th, 2015 at 15:32 and is filed under città, diario. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.